Alla prostata trattamento del cancro cubo

Buonasera Dottore - Tumore alla prostata: Una nuova cura

Castoreum tintura di prostatite

Buon pomeriggio. Intorno a noi è in corso una rivoluzione medica, che ci aiuterà a sconfiggere alcune delle malattie più terribili della nostra società, tra cui il cancro. Questa rivoluzione si chiama antiangiogenesi, e si basa sul processo con cui il nostro corpo forma i vasi sanguigni. Perché dovremmo dare importanza ai vasi sanguigni? Il alla prostata trattamento del cancro cubo umano ne è letteralmente strapieno. In un tipico adulto scorrono Messi in fila, farebbero due volte il giro del mondo.

I vasi sanguigni più piccoli si chiamano capillari. Alla prostata trattamento del cancro cubo abbiamo 19 miliardi, nei nostri corpi. L'aspetto notevole dei vasi sanguigni è la loro capacità di adattarsi, in qualunque ambiente crescano. Per esempio, nel fegato formano vie di depurazione del sangue. Nel polmone, rivestono sacche d'aria atte allo scambio gassoso. Nei nervi, invece, scorrono paralleli come cavi elettrici, mantenendo i nervi in vita. La maggior parte di questi vasi si forma quando ancora siamo nell'utero.

Questo significa che, da adulti, i vasi sanguigni normalmente non aumentano, tranne in pochi casi particolari. Nelle donne, ogni mese i vasi sanguigni aumentano per formare il rivestimento interno dell'utero. Durante la gravidanza formano la placenta, che connette la madre al figlio. E dopo una lesione, i vasi sanguigni devono crescere sotto la crosta, per guarire la ferita. Eccone un'immagine: centinaia di vasi sanguigni che crescono verso il centro della ferita.

Il corpo, dunque, ha la capacità di regolare la quantità di vasi sanguigni presenti in ogni dato momento. Quando poi quei vasi in eccesso non servono più, il corpo li elimina, tornando alla quantità normale con inibitori naturali dell'angiogenesi. Ci sono altre situazioni in cui si parte al di sotto del livello fisiologico, e servono vasi sanguigni aggiuntivi solo per tornare ai livelli normali.

Dopo una lesione, ad esempio. In casi del genere, l'angiogenesi è squilibrata. Per esempio, l'insufficiente angiogenesi, ossia la carenza di vasi sanguigni, porta a ferite che non si rimarginano, attacchi cardiaci, scarsa circolazione nelle gambe, morte per ictus, danni nervosi.

E all'estremo opposto, l'eccessiva angiogenesi, cioè troppi vasi sanguigni, porta a molte malattie. Lo vediamo nel cancro, nella cecità, nell'artrite, nell'obesità, nel morbo di Alzheimer.

Ci sono in totale più di 70 importanti malattie delle quali, nel mondo, soffrono più di un miliardo di persone che sembrano, a prima vista, tutte diverse l'una dall'altra, ma presentano un'angiogenesi anomala quale denominatore comune. Rendercene conto ci sta permettendo di ripensare il modo in cui affrontiamo queste malattie, controllando l'angiogenesi. Questa è una massa tumorale, scura, grigia, minacciosa, che cresce in un cervello.

Al microscopio, potete alla prostata trattamento del cancro cubo centinaia di questi vasi colorati in alla prostata trattamento del cancro cubo, capillari che stanno nutrendo le cellule tumorali, trasportando ossigeno e nutrienti. In effetti, il cancro alla prostata trattamento del cancro cubo inizia con un apporto di sangue.

I cancri iniziano come piccoli, microscopici grumi di cellule che non possono superare il mezzo millimetro cubo di dimensione. La punta di una penna biro. Poi, la loro crescita si blocca perché non ricevono apporto di sangue, e quindi non alla prostata trattamento del cancro cubo ossigeno o nutrienti a sufficienza. Probabilmente, questi cancri microscopici si formano in continuazione, nel nostro corpo.

E virtualmente tutti noi, arrivati alla settantina, avremo dei cancri microscopici nella tiroide. Tuttavia, senza apporto di sangue, la maggior parte di alla prostata trattamento del cancro cubo cancri non diventerà mai pericolosa. Il Dr. Judah Folkman, che è stato il mio mentore, nonché il pioniere degli studi sull'angiogenesi, una volta lo ha definito "cancro senza malattia. Quindi, la capacità del corpo di bilanciare l'angiogenesi, quando funziona a dovere, alla prostata trattamento del cancro cubo ai vasi sanguigni di alimentare i tumori.

E pare che questo sia uno dei nostri più importanti meccanismi di difesa contro il cancro. Bloccando l'angiogenesi, e impedendo ai vasi sanguigni di raggiungere le cellule tumorali, i tumori semplicemente non riescono a crescere.

Ma quando si innesca l'angiogenesi, i cancri possono crescere a ritmo esponenziale. Le cellule cancerose mutano, e acquistano la capacità di rilasciare molti di questi fattori angiogenetici, stimolanti naturali che aumentano la probabilità che i vasi sanguigni invadano il cancro.

E gli stessi vasi che nutrono i tumori permettono alle cellule tumorali di entrare in circolo, come metastasi. E, purtroppo, è quest'ultimo stadio del cancro quello in cui è più probabile che venga diagnosticato, quando l'angiogenesi è già cominciata, e le cellule tumorali si riproducono a ritmo alla prostata trattamento del cancro cubo.

Quindi, alla prostata trattamento del cancro cubo l'angiogenesi è un punto di svolta tra un cancro inoffensivo ed uno pericoloso, allora un aspetto fondamentale della rivoluzione angiogenetica è la cura del cancro con un approccio nuovo, che blocca l'apporto sanguigno.

La chiamiamo terapia antiangiogenetica, ed è completamente diversa dalla chemioterapia perché colpisce selettivamente i vasi sanguigni che nutrono i tumori. Siamo in grado di farlo perché i vasi sanguigni tumorali non sono come quelli sani, che vediamo nelle altre parti del corpo. Sono diversi, alla prostata trattamento del cancro cubo una struttura molto labile, e di conseguenza sono altamente vulnerabili ai trattamenti mirati.

Somministrando ai malati di cancro una terapia antiangiogenetica - qui vediamo un farmaco sperimentale su un glioma, un tipo di tumore cerebrale - potete notare i cambiamenti molto rilevanti che si verificano quando il alla prostata trattamento del cancro cubo viene "affamato". Ecco una donna con un tumore al seno trattato con l'Avastin, un farmaco antiangiogenetico approvato dalla FDA. Potete notare come la macchia di flusso sanguigno scompaia dopo il trattamento. Vi ho appena mostrato due tipi di cancro molto diversi, ma entrambi rispondenti alla terapia antiangiogenetica.

Qualche anno fa, mi chiesi: "Possiamo fare un passo avanti, e trattare gli altri tipi di cancro, anche nelle altre specie? Gli aveva invaso i polmoni. Il suo veterinario gli aveva dato solo tre mesi di vita. Mettemmo a punto un cocktail di farmaci antiangiogenetici da mescolare al suo cibo, e una crema antiangiogenetica da applicare sulla superficie del tumore.

E in poche settimane di trattamento, siamo riusciti a rallentare la crescita di quel cancro a tal punto da allungare la vita di Milo fino a sei volte rispetto alle previsioni iniziali del veterinario, il tutto con un'ottima qualità di vita. E in seguito abbiamo curato più di cani. Permettete che vi mostri un paio di esempi ancora più interessanti. Questo è un delfino di 20 anni, che vive in Florida, e aveva nella bocca queste lesioni che, nell'arco di tre anni, erano degenerate in tumori squamocellulari invasivi.

La applicammo sulla superficie del tumore tre volte alla settimana. E nei sette mesi di cura i tumori sparirono completamente, e le biopsie tornarono normali. Ecco un cancro che cresceva sul labbro di Guiness, un cavallo quarter horse.

È un tipo di cancro molto aggressivo, chiamato angiosarcoma. E in capo a sei mesi, Guinness ebbe una remissione completa. Eccolo sei anni dopo, col suo raggiante padrone.

Ovviamente, la terapia antiangiogenetica potrebbe essere impiegata in un'ampia varietà di tumori. Ci sono 12 farmaci differenti per 11 tipi diversi di cancro, ma la vera domanda è: Quanto si dimostrano efficaci, nella pratica? Ecco i dati sulla sopravvivenza di pazienti malati di otto tipi diversi di cancro. Gli istogrammi rappresentano la sopravvivenza media nel periodo in cui solo la chemioterapia, la chirurgia o la radioterapia erano disponibili.

Un miglioramento impressionante. Ma per altri tipi di alla prostata trattamento del cancro cubo e cancro, i miglioramenti sono stati solo modesti. Questo potrebbe aiutare sia le persone sane sia coloro che hanno già sconfitto il cancro una o due volte e cercano il modo di impedire che torni. E quindi, siccome cercavo come impedire l'angiogenesi nel cancro, tornai ad analizzare le cause del cancro. In realtà io adottai un approccio diametralmente opposto e iniziai a chiedermi:"Cosa potremmo aggiungere alla nostra dieta di naturalmente antiangiogenetico, che possa potenziare il sistema di difesa del corpo e respingere questi vasi sanguigni che stanno nutrendo il cancro?

La nostra ricerca ci ha portato al mercato, nelle fattorie e nell'armadietto delle spezie, poiché abbiamo scoperto che Madre Natura ci ha donato un gran numero di alla prostata trattamento del cancro cubo, bevande, erbe, ricchi di inibitori naturali dell'angiogenesi.

Ecco un sistema sperimentale che abbiamo elaborato. Al centro c'è un anello dal quale centinaia di vasi sanguigni si dipanano come una stella esplosa. Possiamo usare questo sistema per valutare l'effetto di fattori alimentari alle concentrazioni ottenibili mangiando.

Vi mostro cosa succede quando testiamo un estratto di uva nera. Il principio attivo è il resveratrolo. Si trova anche nel vino rosso. Ecco cosa succede quando aggiungiamo un estratto di fragole, un altro potente inibitore dell'angiogenesi. E un estratto di fagioli di soia. Ed ecco una lista, in continuo aumento, dei nostri cibi e bevande antiangiogenetici che siamo interessati a studiare.

Di ciascun tipo di cibo esistono varietà differenti che crediamo abbiano una diversa efficacia. E vogliamo misurarle tutte perché Ecco quindi quattro tipi diversi di thè che abbiamo testato. Sono tutti ben conosciuti, il thè cinese al gelsomino, il thè giapponese sencha, l'earl grey e una miscela speciale messa a alla prostata trattamento del cancro cubo da noi.

Potete vedere chiaramente come i thè varino per efficacia, da quello meno a quello più potente. Questo significa che c'è sinergia tra questi alimenti. Ecco qualche altro dato sperimentale. Oggi è possibile, in laboratorio, simulare l'angiogenesi tumorale, rappresentata qui dall'istogramma nero. Alla prostata trattamento del cancro cubo corta è la barra, minore l'angiogenesi, il che è un bene. Ed ecco alcuni farmaci comuni associati ad una riduzione del rischio di cancro nella popolazione. Anche le statine, i F.